Portoscuso – TrasformAbilità

Il progetto, proposto dall’Arch. Carlo Margini dello studio LAPIS Architetture, si concentra su un ampio salone della scuola attualmente destinato alle attività teatrali.
Lo spazio viene concepito come polifunzionale, il cui valore di trasformabilità consente di cambiare la sua funzione morfologica a seconda delle esigenze, rendendo l’ambiente capace di accogliere più attività.
Il progetto suggerisce 4 diverse funzioni per lo stesso ambiente, che possono interagire tra di loro: teatro/proiezioni, atelier/laboratori e biblioteca.
Le pareti sono rivestite da elementi curvilinei mobili che si identificano come “parete-libreria” e che presentano zone dotate di fondo alternate a zone prive di fondo, consentendo il passaggio della luce in corrispondenza delle finestre.

E’ inoltre stato realizzato un foyer nell’area esterna allo spazio polifunzionale, costituito da una serie di elementi verticali che, accostati tra loro, creano un elemento morbido e concavo che rimanda alla morfologia della parete-libreria interna.
Il foyer, dotato di sedute che consentono l’incontro e il dialogo, è inoltre visibile dall’esterno della scuola, sollecitando il dialogo tra la città e le attività svolte al suo interno.

>  Inizio lavori: dicembre 2016
Fine lavori: gennaio 2017

Portoscuso – Scuola Primaria Via Nuoro

La Scuola Primaria Via Nuoro dell’Istituto Comprensivo Statale Vittorio Angus ospita 150 bambini in 9 classi e si trova vicina al Centro storico di Portoscuso.
E’ inserita all’interno di una rete di progetti sul territorio in collaborazione con associazioni di volontariato locali che sviluppano prevalentemente attività legate al tema delle tradizioni sarde e dell’identità scusese.

Il gruppo di lavoro, composto da rappresentanti della Fondazione Reggio Children e di Enel Cuore Onlus, dopo il primo sopralluogo presso la scuola, ha realizzato anche alcuni incontri con i diversi attori del territorio coinvolti nel progetto: Amministrazione Comunale, Dirigenza scolastica, insegnanti e progettisti.