Le esperienze con FARE SCUOLA: Taranto

Un giorno, i bambini della  del quartiere Paolo VI hanno scritto su una manciata di fogli bianchi i primi diritti che veScuola Falcone, Taranto, Fare Scuolanivano loro in mente, quelli che ritenevano essere i diritti fondamentali che ogni scuola – ogni città, ogni paese – dovrebbe rendere visibili, far toccare, afferrare, modellare con le mani. Quei fogli, scritti a stampatello e corredati da disegni colorati, sono poi stati raccolti dai maestri e appesi nel corridoio della scuola. Così chiunque ha potuto leggere che i bambini hanno il diritto ad avere le scarpe chiuse, così non si fanno male. I bambini hanno il diritto di costruire una casa sull’albero. Il diritto ad andare allo scivolo e ad avere un parco. Il diritto di togliere i mafiosi, i cattivi. Il diritto di ascoltare e essere ascoltati. Il diritto di parola quando parlano i grandi. Il diritto ad avere banchi più lunghi e più larghi. Il diritto ad

Taranto – E’ tempo per stare insieme

Con il progetto E’ tempo per stare insieme, proposto dall’Arch. Sebastiano Longaretti dello studio slow/d, si interviene nell’area a piano terra della Scuola Primaria Statale G. Falcone dell’Istituto Comprensivo Luigi Pirandello.
Gli spazi oggetto dell’intervento sono un’aula e l’atrio. L’aula è pensata per piccoli gruppi di bambini, fornita di cuscini morbidi sagomati a parete per la zona relax, bacheche per la documentazione e un videoproiettore. L’atrio è stato adibito a spazio per diverse attività, dalle proiezioni alle riunioni grazie all’utilizzo di un ampio tendaggio che all’occorrenza serve a creare uno spazio chiuso, circolare, all’interno del quale potersi incontrare e poter assistere a videoproiezioni.

Taranto – Scuola Primaria Statale G. Falcone

La Scuola Primaria Statale G. Falcone dell’Istituto Comprensivo Luigi Pirandello ospita 220 alunni di 10 classi.

Il gruppo di lavoro, composto da rappresentanti della Fondazione Reggio Children e di Enel Cuore Onlus, insieme alla Dirigente scolastica e alcune insegnanti, ha durante il sopralluogo individuato gli spazi nei quali intervenire.